Come prevenire lo sviluppo della paradentosi – centro di medicina dentale artDENTAL

La paradentosi è un problema per molte persone.  Sfortunatamente, molti ancora non sanno esattamente di cosa si tratta.

È una grave infezione cronica delle gengive e dell’osso mascellare, che può anche portare alla caduta dei denti.

Come risolvere il crescente problema della paradentosi e molte più informazioni utili, scoprite nel testo che segue.

Cos’è la paradentosi?

La paradentosi o parodontite è un’infiammazione cronica della struttura di supporto del dente.

Si forma in seguito ad un prolungato accumulo di depositi e tartaro, che, oltre sui denti, si deposita sotto il livello delle gengive, causando così l’infiammazione della struttura portante dei denti – l’osso in cui si trovano i denti.

I sintomi più comuni sono l’alito sgradevole, la permeabilità dei denti e, infine, se non trattati in modo tempestivo, la caduta o la perdita dei denti.

La paradentosi è in realtà dovuta  alla scarsa igiene orale che tutti dovrebbero eseguire quotidianamente a casa e agli esami regolari da parte dei dentisti.

Infiammazione delle gengive – gengivite

Prima della comparsa della paradentosi, si verifica sempre l’infiammazione delle gengive – gengivite dovuta  a depositi rimossi in modo inadeguato, cioè scarsa igiene orale.

Le gengive sono rosse, gonfie e sanguinanti spontaneamente o quando si spazzolano i denti. Se questi depositi morbidi non vengono rimossi in modo tempestivo, i minerali della saliva vengono incorporati in essi e si forma il tartaro, che non può più essere rimosso con uno spazzolino da denti, ma è necessario contattare il dentista per la pulizia del tartaro.

Se l’esistenza del tartaro sui denti viene ignorata, questi  inizia a stabilirsi al di sotto del livello delle gengive e crea una minaccia per l’ulteriore diffusione dell’infiammazione e l’insorgenza della paradentosi.

I batteri iniziano ad agire in modo più aggressivo e attaccano strutture più profonde. Le fibre e l’osso che trattengono il dente iniziano a deteriorare e avviene la comparsa di una tasca parodontale in cui i batteri iniziano ad accumularsi sempre di più.

Sintomi della paradentosi

  • cambio del colore delle gengive e gonfiore – da rosso scuro a viola
  • sanguinamento delle gengive – spontaneamente, al tatto o quando si spazzola
  • ritiro delle gengive – i denti sono apparentemente più grandi di quanto non fossero
  • movimento dei denti – spesso il paziente non deve nemmeno notarlo
  • apparizione del pus
  • alito sgradevole e un sapore diverso in bocca

Fattori che influenzano la comparsa della parodontite:

  • fumo
  • cambiamenti ormonali nelle donne – pubertà, gravidanza, menopausa
  • diabete
  • immunità indebolita – ad esempio in malattie come il cancro, l’AIDS e la chemoterapia

Trattamento della paradentosi

Vi starete chiedendo quale sia il trattamento per la paradentosi dato tutto quanto descritto nel testo e quanto possa effettivamente essere aggressiva.

Diremmo che il trattamento della paradentosi dipende dal paziente stesso e dalle sue abitudini. Ancora più importante, il paziente è consapevole della condizione in bocca e agisce secondo le istruzioni del dentista.

Di fondamentale importanza è il mantenimento dell’igiene orale, che tutti dovremmo eseguire a casa due volte al giorno.

Nella nostra clinica abbiamo l’abitudine di educare ogni paziente e spiegargli come spazzolare meglio i denti e cosa deve essere usato per migliorarlo. Siamo pronti a farlo più volte a scopo di motivazione.

Per quanto riguarda il trattamento da parte del dentista, la diagnostica tempestiva è molto importante, cioè che il dentista rilevi e spieghi quali problemi avete e faccia un piano terapeutico.

La fase iniziale è sempre la pulizia del tartaro, dopo di che viene valutata la necessità di curettage, cioè una pulizia più profonda e la lucidatura della radice.

A seconda della mobilità dei denti, si decide quali denti devono essere rimossi, il che è molto importante perché rappresentano una fonte di batteri e potenziale infiammazione.

Se vi siete riconosciuti in qualsiasi parte di questo testo, vi preghiamo di contattarci con fiducia e prenotare un appuntamento per la prima revisione o controllo.

Argomenti simili:

Sanguinamento delle gengive – consigli per prevenire l’infiammazione – artDENTAL

Curettage dentale: cos’è e quando dovrebbe essere fatta? – artDENTAL

Bocca secca – quali sono le cause, i sintomi e cosa possiamo fare – artDENTAL