Infiammazione del nervo dentale – come e perché si verifica l’infiammazione – sintomi – come trattare il nervo dentale – artDENTAL

Il nervo dentale è infiammato? Quello che dovete fare immediatamente è andare dal dentista. Se non siete già andati, davvero non vogliamo che provate il dolore dell’infiammazione del nervo dentale.

Appunto per questo sottolineiamo quotidianamente l’importanza di controlli regolari.

Come si verifica l’infiammazione del nervo dentale?

All’interno di ogni denti si trovano:

  • camera (nella corona del dente) e
  • canali (nella radice del dente).

Questi spazi sono pieni di terminazioni nervose, cioè nervi dentali e vasi sanguigni. Insieme hanno la funzione di nutrire i denti e trasferire le sensazioni di dolore.

La carie inizia sempre come un piccolo punto – nel tempo, i batteri distruggono sempre più il dente e progrediscono lentamente verso il nervo dentale.

Se la carie non viene pulita in tempo, porterà gradualmente all’infiammazione del nervo dentale!

Sintomi di infiammazione del nervo dentale

I sintomi dell’infiammazione del nervo dentale possono variare, il che dipende molto dai meccanismi di difesa della persona.

I sintomi più comuni di infiammazione del nervo dentale sono:

  • forte dolore al caldo e al freddo,
  • dolore pulsante spontaneo non provocato da fattori esterni,
  • forte dolore che vi sveglia dal sonno durante la notte,
  • gonfiore sulle gengive da cui può anche uscire il pus.

Quando compaiono tali sintomi è urgente fare terapia endodontica, cioè rimuovere completamente il nervo dentale e chiudere ermeticamente i canali alla radice del dente.

Trattamento dell’infiammazione del nervo dentale

Il trattamento dell’infiammazione del nervo dentale viene sempre fatto con l’anestesia perché il più delle volte tale dente fa molto male.

  1. Per prima cosa è necessario pulire tutta la carie dal dente della corona e aprire il nervo dentale.
  2. Segue la rimozione del nervo dentale. Il nervo dentale viene rimosso con aghi speciali, che vengono inseriti nei canali alla radice del dente. Aghi di vari spessori, che possono essere manuali o meccanici, puliscono lo spazio del canale alla radice del dente. Lo spazio in cui si trovava il nervo dentale  deve essere pulito molto bene meccanicamente, al fine di eliminare tessuti e batteri malati. Oltre agli aghi,  per la pulizia vengono utilizzati vari liquidi,  il cui ruolo è quello di disinfettare i canali radicolari e rimuovere le ultime tracce di batteri.
  3. Dopo che il nervo dentale è stato rimosso e lo spazio è stato disinfettato, è necessario riempire ermeticamente lo spazio vuoto. È necessario chiudere lo spazio in modo che i batteri non possano rientrare e causare nuove infiammazioni.  Lo spazio in cui si trovava il nervo dentale è riempito con materiali biocompatibili che rimangono permanentemente nel dente e riempiono ermeticamente lo spazio vuoto.
  4. Successivamente, è necessario realizzare  un’otturazione permanente o una corona in ceramica sul dente per mantenere il dente protetto dall’esterno.

Disagio e leggero dolore dopo il trattamento del dente possono essere avvertiti per alcuni giorni dopo il trattamento, ma con il passare del tempo questo dolore scompare.

Dopo il trattamento, il dente deve essere monitorato per 6-12 mesi, per vedere se l’infiammazione del nervo dentale è passata e come il dente ha risposto al trattamento.

Il trattamento non ha successo nel 100% dei casi. Il dente ha un’anatomia estremamente complessa e i canali radicolari sono come un albero ramificato. La maggior parte di esso può essere ben pulito meccanicamente e la parte rimanente può essere solo disinfettata. 

Inoltre, il successo della terapia dipende molto dai meccanismi di difesa del corpo e dall’immunità dell’organismo.

Se pensate di soffrire dolori a causa dell’infiammazione del nervo dentale, contattateci!

Determineremo la terapia migliore per voi!

Potrebbe anche interessarvi:

Struttura del dente – artDENTAL

Quali sono le cause della sensibilità dei denti e suggerimenti per evitare che si verifichino? – artDENTAL

Dente medicato e fa male – cosa fare ? – artDENTAL

Dolore nel dente non cariato – artDENTAL